Come superare in maniera definitiva l'ansia d'approccio

Ciao ragazzi, mi presento ( visto che é stato chiesto di farlo :sweat_smile: ). Sono Gabriele di Napoli. Il mio problema principale è l’ansia d’approccio.

Trovo spesso scuse idiote per non approcciare: corre troppo, ha le cuffie, c’è gente intorno che mi guarda, mi sento un rompipalle nel farlo, sono stanco,… :cry:
Al momento sto cercando di risolvere sopratutto con la 3 seconds rule, la visualizzazione e la desensibilizzazione progressiva.

Ecco un’elenco delle principali scuse e perchè penso siano un problema:

  • Corre troppo -> va di fretta e quindi mi rifiuterà quasi sicuramente. Meglio risparmiarsi un rifiuto ed evitare che la gente ( ed altre ragazze ) intorno mi vede essere rifiutato.
  • Ha le cuffie -> Magari è al telefono con qualcuno o sta ascoltando musica, meglio non rompergli le palle
  • C’è gente intorno che mi guarda -> Mi fisserebbero tutto il tempo e magari comincerebbero a ridere o a sparlare di me mentre l’approccio. Poi magari potrebbe pure rifiutarmi, loro lo vedrebbero e riderebbero ancora di più.
  • È troppo bella -> ci saranno migliaia di ragazzi che ci provano con lei tutto il giorno. Non voglio essere l’ennesimo rompipalle che gli farebbe alzare solo il suo valore ed abbassare il mio.
  • Sono stanco -> ( questa scusa mi capita quando sto in giro per molto tempo e ci sono comunque occasioni per approcciare ) Ho poca energia, mi sentirei troppo disperato/bisognoso e mi rifiuterebbero.

Ora che me le rileggo, alcune mi fanno pure un po ridere haha.
Ma sono cose che penso quasi inconsciamente. Forse perchè le ho sempre pensate per tanti anni in passato. Una parte di me lo sa che sono scuse stupide. Ed è per questo che sto cercando di usare la 3 seconds rule che non mi fa pensare. Però spesso non ci riesco.

Le ho provate di tutte:
Psicocibernetica ( visualizzazione ), affermazioni, 3 seconds rule, desensibilizzazione progressiva, pnl, ecc. Ma queste scuse ritornano puntuali come un orologio svizzero e mi sembra di ripetere sempre tutto da capo :disappointed_relieved:

Un altra cosa che mi capita spesso, è che dopo averla approcciata, non riesco a gestire l’ansia e così chiedo solo un’indicazione e poi me ne vado pieno di rimorsi.

Vorrei un modo per eliminare definitivamente questo problema. Cosi che posso concentrarmi su altre cose. Il mio obiettivo finale è quello di riuscire ad approcciare ragazze in QUALSIASI situazione fregandomene di tutto.

Se avete idee ditemi pure :slight_smile:
A questo punto mi sa che devo provare solo l’ipnosi haha.

Ma quale ipnosi… devi imparare a sedurre mica a fare lo psicologo
Devi imparare che quello che pensi sono seghe mentali.
Ti spiego una cosa… aspettare di essere sicuri per approcciare è sbagliato, perché la sicurezza arriva dopo.
Quello che faccio io è osservare i miei pensieri ed emozioni essendone il testimone.
Oppure puoi provare il mantra “Cazzo zitto” e poi buttarti … e ti ripeti “CAZZOZITTOCAZZOZITTO”
Fallo e basta.
Non badare al risultato… all`inizio devi sbagliare fino a quando non sarai tranquillo.
Non farti aspettative fallo e basta.
Infine, ricordati che i vincenti non cercano scuse.
Ultima cosa.
Ti svelo un segreto.
A nessuno frega di te.

Siamo tutti impegnati con le nostre vite.

Tutti crediamo di essere al centro del mondo ma non è cosi. A nessuno frega di quello che fai.

Se approcci nessuno ti prenderà in giro.

La massima reazione che puoi avere è che qualcuno alzi lo sguardo dal cellulare quando inizi a parlare con la ragazza ma poi torneranno a fare quello che facevano prima.

La desensibilizzazione è utile anche nella vita reale.
Ovvero.
Il primo giorno chiedi indicazioni.
Il secondo giorno saluti persone sconosciute.
Poi inizi facendo complimenti alle ragazze sconosciute.
E poi fai gli approcci più strani… del tipo “ti amo, oppure ti piacciono i cavalli?”
Cose strane.
L`importante è farlo.
Esci di casa.
E fai almeno 10 approcci al giorno.
In 5 mesi diventerai un dio.



Ti consiglio di più il secondo! :wink:

Grazie dei consigli, do un occhiata ai video :smiley:

Forse per superare l’ansia di approccio e desensibilizzarti non basta che fai gli approcci, è necessario quantomeno che dopo averli fatti li metabolizzi.

Devi sentire quella sensazione di disagio, che prima avevi, svanire.
Devi accettare che non è accaduto nulla.
Devi dirti “ok, l’ho fatto, se torno indietro nel tempo posso rifarlo tranquillamente”.
Il che è l’esatto opposto di aprire per andare in state.
Se approcci, ti prende l’euforia e senti di aver fatto un grande passo, di aver superato l’ostacolo, secondo me non funziona